Indagine videoendoscopica

Le indagini endoscopiche sono utilizzate nell’esame di cavità  naturali o artificiali per osservare direttamente in punti inaccessibili morfologia, tipologia e stato di conservazione superficiale dei materiali, solai piani e tutte quelle strutture o materiali che possono essere facilmente indagate attraverso fori di piccolo diametro nel quale inserire l’endoscopio rigido, costituito da un’asta con sistema di lenti e luci guida, o quello flessibile, costituito da un fascio di fibre ottiche nel quale  coassialmente è montato un altro fascio di fibre ottiche, con l’evidente vantaggio di poter raggiungere le zone da indagare anche lungo percorsi curvi e di poter fare ispezioni da diverse posizioni grazie alla mobilità della parte terminale che è comandata dall’esterno.

I risultati della prova possono anche essere registrati, nel caso delle video endoscopie, su supporto informatico per future analisi.